giovedì 15 novembre 2018

Lorena Brusamento vince la 2^ edizione della 100 km del Val di Noto


Il 3 novembre 2018 si è svolta la 2^ edizione della 100 Km del Val di Noto da Ragusa a Noto. L’ultramaratona è stata vinta da Federico Borlenghi in 8h03’50” che ha preceduto Enrico Maggiola 8h30’14” e Rapisarda Carmelo 9h00’03”.
Lorena Brusamento è arrivata prima delle donne in 9h29’52” precedendo Elisa Benvenuti 9h49’31”, Maria Alessandra Galioto 10h 04’00” e Lara La Pera.
Di seguito approfondiamo la conoscenza della vincitrice attraverso risposte ad alcune mie domande: Complimenti che significa per te questa vittoria? Come e quando hai capito che potevi vincere?E’ stata una gara un po’ "scommessa" perché dopo Spartathlon e la Sardinia Ultra Marathon, non avevo idea di come avrebbe reagito il corpo. Ho corso senza pensare alla posizione in classifica, potevo essere in testa così come ultima senza che questo condizionasse la mia gestione di gara.”

Luca Parisi medaglia di bronzo ai campionati italiani di maratona


La XX^ Maratona di Ravenna Città D'arte è stata vinta dal keniano Wilfred Kipkosgei Murgor in 2h12'36" precedendo il connazionale Silah Kipkemboi Limo 02h13’05″ e l’etiope Sefe Wendemu Tigu 02h15’14″e battendo il record precedente che era di 02h14’05″ stabilito dal suo connazionale Julius Choge nel 2007.
La gara femminile è stata vinta dall’etiope Aberu Ayana Mulisa in 02h36’32″ precedendo la croata Nikolina Stepan in 02h48’07” e la lituana Ruta Simkunaite 02h58’38″ e battendo il record della corsa che era di Catherine Bertone in 02h39’19″ nel 2015.
Essendo valida quale Campionato Italiano di Maratona, il titolo maschile è arrivato al 4° assoluto, il siciliano Alessio Terrasi in 02h19’14″ che facendo una grande gara in progressione ha battuto in volata Francesco Bona 02’h19’28″ che aveva migliori tempi di accredito. In terza posizione si è classificato Luca Parisi con la sua miglior prestazione in maratona 02h22’51″.

Cosa c'è dietro una maratona? Un fiume di pensieri, sensazioni, emozioni


Cosa c'è dietro una maratona? Un fiume di pensieri, sensazioni, emozioni, allenamenti, preparazione, incertezze. Un obiettivo, una sfida, una pianificazione minuziosa, un'attenzione al minimo dettaglio.
Incontri, confronti, tensioni, pressioni. Esperienze uniche, dense, forti, intense. Paure, insicurezze, consapevolezze.
Lo sport aggrega, rende felici, permette di prendersi cura di se stessi, di sperimentare benessere e di raggiungere gradualmente obiettivi importanti come portare a termine una maratona o vincerla. Lo sport diventa una medicina naturale per il corpo, la mente e per l’anima, si tratta di volersi bene facendo sport e apprezzarsi per quello che si riesce a fare.

Sali sul treno dello Sport, together is much better

Matteo Simone

E’ sempre il momento per mettersi in moto, per iniziare a fare sport, iniziare a incontrare gente in carne e ossa e allenarsi insieme, incontrarsi, darsi un appuntamento e un ritrovo per partire per un allenamento o per andare insieme ad una gara, questo è lo sport che vogliamo.
Si porta a casa sempre qualcosa, fatica condivisa, abbracci e sorrisi, nuove consapevolezze delle proprie capacità e propri limiti, medaglie di partecipazione, pacchi gara, panni sporchi, podi, vittorie, Best Performance e tanto altro.
Non restare immobile, prova ad abbandonare la tua zona di confort, è sempre il momento giusto per iniziare, non aspettare il momento migliore, sali sul treno dello Sport, entra nei gruppi whatsap, facebook, mailing list, scegli il tuo sport, il tuo allenamento, la tua gara, il tuo evento, partecipa con i tuoi tempi e modalità.
Il treno dello Sport raccoglie gente e le porta in giro ad allenarsi e divertirsi per sperimentarsi e mettersi in gioco, condividere partenze, percorso e arrivi. Questo è lo sport che vogliamo, lo sport che rende felici nonostante la fatica, nonostante le salite, nonostante le avverse condizioni climatiche.

In tanti hanno vinto la Maratona di Ravenna oltre a Murgor e Mulisa


Grande weekend di sport e relazioni a Ravenna a dimostrazione che la maratona è uno sport di fatica che avvicina persone, culture e mondi. Chi ha vinto la XX^ Maratona di Ravenna Città D'arte? In tanti hanno vinto.
Ha vinto il keniano Wilfred Kipkosgei Murgor, vincitore assoluto in 2h12'36" precedendo il connazionale Silah Kipkemboi Limo 02h13’05″ e l’etiope Sefe Wendemu Tigu 02h15’14″e battendo il record precedente che era di 02h14’05″ stabilito dal suo connazionale Julius Choge nel 2007.

martedì 13 novembre 2018

La Carta di Toronto per l’Attività Fisica e l'importanza dello stile di vita attivo

Psicologo, Psicoterapeuta

Ringrazio Giuseppe Di Summa per avermi rivolto interessanti e stimolanti domande che riporto di seguito con a seguito le mie risposte.
L’attività fisica promuove il benessere, la salute fisica e mentale, previene le malattie, migliora le relazioni sociali e la qualità della vita, produce benefici economici e contribuisce alla sostenibilità ambientale.
L’attività fisica promuove il benessere, lo sperimento sulla mia persona e sulle persone con le quali mi relaziono. Il benessere significa stare bene, soddisfatti, sentirsi bene, capaci, stare in forma, sapersi relazionare. Si tratta di una salute fisica e mentale, perché fisico e mente sono in relazione, corpo e mente funzionano insieme, sono alleati, se sta bene l’uno l’altro sta meglio, le due parti hanno bisogno di sperimentare benessere insieme, se sei disposto a metterti in movimento sei più propenso ad affrontare problemi, situazioni, persone. Ti senti più sicuro, coraggioso, fiducioso.

mercoledì 7 novembre 2018

Federico Borlenghi e Lorena Brusamento vincono la 100 km del Val di Noto


Si è svolta il 3 novembre la 2^ edizione della 100 Km del Val di Noto da Ragusa a Noto, individuale e a staffetta, gara valida come Campionato Nazionale 100 km ACSI. L’ultramaratona è stata vinta da Federico Borlenghi in 8h03’50” che ha preceduto Enrico Maggiola 8h30’14” e Rapisarda Carmelo 9h00’03”. La gara femminile è stata vinta da Lorena Brusamento in 9h29’52” che ha preceduto Elisa Benvenuti 9h49’31”, Maria Alessandra Galioto 10h 04’00” e Lara La Pera.
Di seguito approfondiamo la conoscenza dei vincitori attraverso risposte ad alcune mie domande di un po’ di tempo fa.

Translate