giovedì 21 settembre 2017

Il fantastico mondo degli ultrarunner, persone che non si stressano


Il fantastico mondo degli ultrarunner, persone che non si stressano ma partecipano e arrivano silenziosamente al traguardo incontrando tanta gente lungo i loro viaggi i circuiti da ripetere tante volte, sempre in cerca di podi ma non soli a volte basta anche una medaglia, un attestato, a volte meglio di tutto sono le parole di stima e rispetto che si porta a casa perché ognuno fa il sui, quello che può fare con le proprie possibilità e modalità, un mondo di persone bizzarre, straordinarie e sorprendenti sempre pronte a evidenziare il meglio di te senza giudizi, a consigliare, a suggerire.
Questo è lo sport che vogliamo, questo è il treno che tutti vorrebbero prendere, ognuno è capo treno di se stesso ma a volte meglio fidarsi e affidarsi a qualcun altro più esperto, più saggio, più pacato.
Incontrarsi, fidarsi e affidarsi nel bizzarro, sorprendente e fantastico mondo degli ultrarunner. E' quello che sperimentano in tanti, un tuffo nel vuoto ma poi ti accorgi che sono in tanti a condividere fatica, preoccupazioni e timori, così come sono in tanti a porgerti una mano, un aiuto.
Chiamateli pure masochisti o incoscienti ma in realtà a spingere a fare sport di endurance come Ultramaratone, faticando anche nelle salite è il benessere che si sperimenta, un benessere particolare che agisce sulla testa e si diffonde per tutto il corpo e rimane ancorato nella propria anima come un'arma da utilizzare nelle situazioni più difficili emotivamente.
In effetti è risaputo e sperimentato che lo sport rende felici, incrementa consapevolezza, sviluppa autoefficacia consolidando la fiducia in se stessi di poter far qualcosa, di riuscire in qualcosa, inoltre lo sport incrementa la Resilienza, si affrontano e si superano meglio i problemi, le crisi, le difficoltà, si è più attenti e gentili.
Sto continuando ad approfondire e sperimentare il mondo degli ultrarunner fatto di fatica e soddisfazioni, di programmi, di obiettivi, di percorsi, di viaggi interiori.
Sto continuando l'approfondimento sia in modo diretto, partecipando ad alcune gare, sia attraverso interviste, racconti e testimonianze da parte di atleti di queste discipline di sport di endurance e di ricerca personale.
Ciò mi ha permesso di scrivere un libro con il recordman Daniele Baranzini dal titolo “Ultramaratoneta: analisi interminabile” e un mio libro dal titolo "Ultramaratoneti e gare estreme" e il meglio deve ancora venire

Per molti atleti ultrarunner vi è la consapevolezza dell’importanza del corpo e della mente, e quindi non significa solo avere solo muscoli da allenare ma una buona gestione di sé fisica e mentale, ecco di seguito alcune testimonianze. Franco Collè: “A mio avviso essere ultramaratoneta non vuol dire essere un atleta, bensì una persona che ha imparato a gestire in modo ottimale le proprie energie fisiche e mentali.” Massimiliano Clemot: “Essere ultramaratoneta significa avere una filosofia sportiva diversa da tutte le altre discipline, devi saper armonizzare mente e corpo.” Michele Zorzi: “Per me essere ultramaratoneta è cercare sempre il proprio limite, fisico e mentale.” Nico Leonelli: “Significa essere una persona preparata fisicamente e mentalmente.” Marco Gombia: “Essere qualcuno che si è allenato tantissimo per raggiungere degli obiettivi e mette alla prova il proprio fisico e la propria mente durante gare estreme.” Edith Rosario Ventosilla: “Provare le tue risorse fisiche e mentale.

Si riconoscono i limiti mentali, e quindi la possibilità di andare avanti superando i blocchi mentali, e di percorsi non solo lungo strade e sentieri ma anche dentro se stessi, una ricerca interiore attraverso la lunga corsa, le lunghe distanza; Marco Dori così spiega le sue impressioni: “Significa misurarmi con i miei limiti soprattutto mentali. Non ho una corporatura da maratoneta; sono alto 1,94 mt e peso intorno ai 95 kg e negli anni passati già la maratona per me era una misura limite. Poi ho scoperto le ultra e ciascuna di esse è stato un percorso dentro me fatto di sfida, difficoltà, solitudine, contatto con la natura, rispetto, voglia di mettermi alla prova. Quando parto so che vivrò un’esperienza irripetibile e unica.”
Per approfondimenti sugli ultrarunner è possibile consultare il libro Ultramaratoneti e gare estreme di 

Interviste, racconti e testimonianze da parte di atleti di sport di endurance mi hanno permesso di scrivere il libro dal titolo "Ultramaratoneti e gare estreme", Matteo Simone, Prospettiva Editrice, Collana: Sport & Benessere, anno edizione: 2016.

17° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Sport - Atletica e sport da campo e da pista - Maratona e corsa campestre
Ordinabile in siti di vendita online e ordinabile in tutte le librerie d'Italia. Ad esempio su ibs
(dove si può anche prenotare online e poi ritirare in libreria)
Inoltre è in uscita il libro Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida. Classifica Bestseller di Amazon: n. 67 in Libri > Sport > Corsa e maratona

Nessun commento:

Translate