mercoledì 22 novembre 2017

Emanuele Mellina: La mia maratona nasce per caso durante una cena tra amici



La corsa rende felici e resilienti e ti fa fare cose che possono sembrare impensabili come percorrere una maratona per uno che pesava 130 chili, un po’ di tempo fa Emanuele mi raccontò la sua storia rispondendo ad alcune mie domande e successivamente mi ha aggiornato sulla sua storia sportiva, di seguito la sua presentazione di un po’ ti tempo fa e poi la sua ultima avventura.

Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Mi sono sentito campione la mia prima 21km arrivando ultimo, ma pesavo 130 chili tempo h 2:03. Venivo da una grave obesità. Grazie alla corsa ho perso più di 69 chili arrivando a 87 chili.”

Se proprio hai deciso di voltare pagina e ci tieni all’unica vita che hai a disposizione, può succedere che cambi stile di vita e intraprendi una sana abitudine alimentare e/o sportiva per cambiare i tuoi connotati fisici e mentali, vedendoti meglio, relazionandoti con più sicurezza e autoefficacia e poi il resto viene da sé. A volte anche arrivare ultimi fa sentire campioni.
Come ha contribuito lo sport al tuo benessere? “Grazie alla corsa ho ritrovato il piacere di vivere. Prima fumavo 60 sigarette al giorno, bevevo alcolici ed ero obeso. Adesso posso correre ore e non sentire la fatica.”

Importante è accorgersi in tempo, non importa quando ciò avviene, non importa il tempo passato, importa il momento presente in cui ti accorgi che devi fare qualcosa per cambiare, per star meglio, per vivere veramente e ciò è possibile, per esempio attraverso lo sport che ti rimette al mondo, in modo diverso facendoti apprezzare gioie e fatiche che ben vengano se trasformano la tua vita e i tuoi connotati rendendoti una persona apprezzabile da te stesso. Non è mai troppo tardi.

Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva? “Molti dicono che sono malato di corsa, esco sempre ad allenarmi  o piove o fa caldissimo, a Natale, Capodanno, sempre fuori a correre. La mia famiglia sa che mi rende felice e mi appoggia.”

Gli amici a volte sono increduli rispetto alla forza di volontà del runner, i famigliari sanno che la corsa diventa una medicina da prendere quotidianamente.

Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “Quando ero obeso e ho deciso di andare a correre, mentalmente ero pronto ma il mio fisico no, ero uscito per fare 50 minuti e non sono riuscito neanche a fare 3 minuti ma non mi sono arreso il giorno dopo 5 minuti poi 7 poi 10 ecc. ecc. fino a 1 h.”

Questo è il giusto approccio, prima bisogna crederci, la testa deve guidare il corpo, il passaggio deve essere graduale un po’ per volta incrementare e aumentare chilometri o velocità e poi il resto viene da sé, provare per credere.

Che significa per te partecipare ad una gara sportiva? “Per me la gara è incontrare amici e condividere il piacere di correre ma soprattutto mi alleno per battere me stesso, un minuto meno della gara precedente per me è una vittoria.”

Lo sport che aggrega, ti fa incontrare e confrontare con altri, persone, culture, mondi.

Quali sono le varie difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nella tua disciplina? “Non forzare mai quando il corpo di da dei segnali, ascoltarli. Vero non mollare mai, ma con giudizio.”

Certo da una parte non bisogna mollare, a volte una parte di noi ci vuole sabotare, ci vuole far fermare, ci manda segnali di stop, di incapacità, di paura, a volte si possono ovviare questi segnali, si può continuare per la nostra strada non considerandoli perché sappiamo che sono blocchi mentali, ma altre volte bisogna fare attenzione a questi segnali, se veramente sono avvisi di dolore serio e compromettente allora bisogna fermarsi e arrendersi e riprovare un’altra volta in modo migliore e sempre con il sorriso.

Ti è capitato di avere la sensazione che ti cascasse il modo addosso? “Molte volte ho pensato: ‘non riuscirò mai a finire questa gara, adesso mi fermo”, ma poi una voglia interna mi dice di continuare: ‘dai ancora un km’ o penso: ‘arrivo in fondo alla strada o supero quello davanti o faccio altri dieci minuti’, mi aiuto così e non mollo.”

Ognuno ha le sue strategie, i suoi allenatori interni, le sue parole magiche per non mollare.

Quali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare? “Il mio sogno è la maratona sotto le 4 ore, spero di farla a novembre.”

Novembre è arrivato ed ecco cosa ci racconta ora Emanuele: “Buongiorno ti avevo promesso che se facevo la maratona ti raccontavo le sensazioni che provavo.... la mia maratona nasce per caso durante una cena tra amici. L'amico Marco parlava della maratona e io senza pensarci ho detto la faccio pure io. Suscitando anche qualche presa in giro le solite cose tra amici. Visto che ero infortunato ho avuto una frattura scomposta e una costola inclinata. .piano piano inizio a correre lentissimo 8 km h:1:30 e mancano solo tre mesi alla maratona di Palermo che tra l'altro mi dicono che è una delle più difficili da affrontare. In realtà non ho potuto preparare la maratona. Ma in questi mesi ho cercato di mettere km su km . Per riuscire a finire la maratona nel tempo limite fissato in sei ore. L'ultimo lungo riesco a fare 34k. In h3:45 ma arrivò .senza forze e poi sto malissimo tutto il giorno .. penso tante cose ma non mollo. A 40 giorni della maratona una notte esco a correre senza programmare niente. E faccio 37 km in h4:00 e arrivo in buone condizioni .Felice del mio lavoro .si a vicina la maratona e sala l'ansia. Ma mi ero allenato tre mesi e curato alimentazione seguito dalla dottoressa Annamaria Maltese perdendo 22km  parte di quelli presi durante il mio stop forzato.. il sabato prima della maratona finisco la giornata lavorativa alle 24 .lavorando nei ristoranti e anche un orario accettabili .mi metto in macchina e arrivo a casa verso l'una .sveglia alle 5 colazione stadio . Ormai ci siamo . Avevo portato 4 gellini per integrare durante la gara.  Ma un amico era senza e ho dato due dei miei . Pensavo di passare al 21km in h2:30. Inizia la gara. E la prima parte e favolos . Stavo benissimo scambiato saluti con tutti ed ero nella mia città e provavo a fare qualcosa di impensabile mesi prima .passo dal politeama teatro massimo tutto il centro storico . E mi dirigo verso via della libertà direzione stadio .entro al parco della favorita e arriva la prima salita . Direzione stadio passo al 21 km in h2:18 gasato dal pubblico e amici che fanno il tifo aumento di 10 secondi il mio passo. E continuo Felice la mia avventura arriva la discesa di valdesi e qui mi faccio prendere troppo la mano e credo che ho pagato Propio questo. Finita la discesa subito una salta da 800 metri direzione mondello un po stanco ma ancora i  forze. Saluto qualche amico e mi preparo mentalmente alla salita e agli ultimi km da affrontare. Dopo il giro di mondello stupenda. Inizia la salita il primo tratto rallento tantissimo poi aumento di nuovo. Fino al 37 km ero a 3:51 ero felicissimo ma la stanchezza e la fatica mi presenta il conto .prendo l'ultimo gel e continuo mancano ancora 5 km  arrivano i crampi e si piegano le dita dei piedi .Non mi fermo rallento battendo i piedi forte a terra dalla rabbia. E continuo a denti stretti la salita e quasi finita ma i crampi no vado avanti  ci incoraggiamo tra noi durante la gara e passano altri km le braccia cedono dal dolore .troppo faticosa penso mai più nella vita . Si avvicina un ragazzo inglese mi da una pacca sulla spalla e mi  dice vamo .e parto non pensando più ai crampi e dolori . Ho perso tanto tempo ma ormai è fatta esco dalla palazzina cinese direzione favorita  un km di parco e si esce lungo la strada che porta allo stadio sono 42 capisco solo adesso che sono riuscito a chiuderla pochi metri infiniti e arrivo al mio traguardo. Felice come un bimbo ...tempo h5:06 il rammarico che sono arrivato che potevo fare altri 10 km i crampi anno tentato di fermarmi ma non ho mollato. Adesso posso andare a lavoro e quando finirò verso le 24 se tutto va bene .arriverà il mio relax .ps e pure senza medaglia .dei balordi anno rubato parte delle medaglie. Quando la riceverò per posta la mostrerò con orgoglio, sono riuscito a battere Mellina Emanuele 42195.

Grandissimo ti ho pensato e ti stavo inviando delle domande ma penso che può bastare la tua storia: “Grazie a voi che raccontate le nostre passioni, gli amatori aumentano sempre di più la corsa è contagiosa. Una cosa simpatica mi chiama il giudice di gara il giorno prima dicendo Mellina sbrigati domani che non vorrei pranzare alle 16.  Grazie Matteo Simone a presto.”

Questo è lo sport che vogliamo, non solo campioni e record ma anche storie di piccoli e grandi eroi.

https://www.youtube.com/watch?v=w2R-ilsmVtA
http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/autori.html?auth-id=495578
http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Nessun commento:

Translate