lunedì 6 aprile 2020

Fabrizio Severini: Il mio sogno portare a termine la Nove Colli Running km 202.4

Ho sempre cercato nuove sfide, fino ad arrivare alla 100 km concluse 4 volte
Psicologo, Psicoterapeuta

La Nove Colli running è il sogno di tanti ultramaratoneti, di quelli della lunghissima distanza che hanno voglia di raddoppiare la 100 km già di per sé una durissima ultramaratona, quest’anno le date sarebbero coincise il 23 maggio, e tanti erano indecisi sul da farsi, molti si chiedevano: faccio 100 km o 200 km, entrambe gare sfidanti, ma la 200 km è davvero una vera incognita, richiede una preparazione fisica e mentale solida e pochi decidono di iscriversi un paio di 100 persone.

venerdì 3 aprile 2020

Marta Ripamonti: La gara della vita è stata per ora il Gran Trail di Courmayeur

La più grande emozione vissuta è stata quando ho capito che sarei arrivata in fondo

Si inizia a praticare uno sport per diversi motivi, ma se scatta la molla della passione allora si cerca sempre il meglio dallo sport, quello che fa sperimentare sensazioni ed emozioni intense e così è stato per Marta passando dalla corsa sul semplice asfalto alle ultra trail dove tutto è più complicato ma naturale con moltitudine di esperienze a contatto con la natura con i suoi colori, odori, suoni e silenzi.

Di seguito Marta racconta al sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande: Qual è stato il tuo percorso per diventare atleta?Il mio percorso è appena iniziato, per pura passione, con i bassi chilometraggi correndo su asfalto per poi passare in pochi anni agli ultra trail”. Quali fattori e persone contribuiscono nello sport al tuo benessere e/o performance?Sicuramente le mie frequentazioni sportive possono influenzare positivamente su di me, i miei genitori che mi supportano costantemente anche nelle performance e il fisioterapista che trattandomi mi aiuta a conoscere il mio corpo e i miei ’dolori’'.

giovedì 2 aprile 2020

Glauco Rangel, nuoto: Il prossimo sogno o obiettivo è il canale della Manica

Próximo sonho ou objetivo canal da mancha 2020

Lo sport a volte diventa un’opportunità per conoscersi, per incanalare energie in discipline sportive che aiutano a raggiungere risultati e a disperdere energie con la consapevolezza che la vita è fatta di calma e stress, di fatica e riposto, di vittorie e sconfitte. 

Il 9 ottobre 2018, Glauco Luis de Oliveira Rangel ha segnato il record di 7 ore 13 minuti della traversata di 36 chilometri (22,3 miglia) nell'Oceano Atlantico tra Leme e Pontal a Rio de Janeiro, in Brasile. La nuotata è stata ratificata dalla "Leme to Pontal Swimming Association". Di seguito l’esperienza di Glauco attraverso risposte ad alcune mie domande: Qual è stato il tuo percorso per diventare atleta? "Iniziai con un allenamento a causa dell'iperattività quando ero bambino e mi distinsi in acque libere".

Nunzia Patruno, ex Nazionale ultramaratone 100 km e 24 ore


Da un po’ di anni mi interesso al mondo delle ultramaratone, nel 2008 alla “100 km degli Etruschi”, attraverso brevi video-interviste ad alcuni partecipanti, raccolsi alcune impressioni, sensazioni e testimonianze con l’intento di comprendere le motivazioni a intraprendere questo tipo di imprese estreme che comportano un’estenuante prestazione sportiva, e tra gli intervistati c’era anche Nunzia Patruno ex atleta della Nazionale ultra-maratona 100 km e 24 ore.

mercoledì 1 aprile 2020

Pamela Guidotti, Atletica Rimini Nord: La corsa mi ha cambiata nel profondo

Mi ha reso una persona migliore in ogni ambito

La 100 km del Passatore è una gara obiettivo di molti ultrarunner e anche di molti maratoneti che vogliono osare, vogliono sfidare sé stessi in una gara che equivale a più del doppio di una maratona. Se in una maratona si può incontrare il muro dell’ultramaratoneta, in una 100 km si possono incontrare più muri che comunque non fermano la voglia e la motivazione dell’ultramaratoneta di andare fino alla fine per tagliare l’ambito traguardo.

martedì 31 marzo 2020

Enrico Maggiola: Sono stato in coma più stop di 3 mesi, corro per riabilitare l'organismo

Non esser disteso sottoterra mi è utile quotidianamente per andar avanti

Enrico Maggiola a causa di un grave incidente non ha potuto partecipare ai Campionati Mondiali di 24 ore svolti ad Albi (Francia) il 26-27 ottobre 2019. Enrico Maggiola, spesso a podio in gare di ultramaratone tra le quali: 16-17.08.2019, Korinthosz160 Ultramarathon (HUN) 100 miglia, 1° posto  in 14h23’49”; 11-12.05.2019 Ultrabalaton 221km (HUN) 221km, 2° posto in 21h07’33”; 13.04.2019 Ultra Franciacorta 12 ore, 1° posto con 154.419km; 28-29.09.2018 Spartathlon (GRE) 246km, 12° posto in 26h27’28”; Campionato europeo di 24 ore, 13° posto con 242,39km.

lunedì 30 marzo 2020

Simona Arnoldi, Runners Bergamo: Con coraggio e tenacia tutto è possibile

Ho imparato ad affrontare di petto ogni situazione anche nella vita quotidiana

Lo sport è sempre stato un veicolo e uno strumento per rafforzare le persone, per incrementare fiducia, coraggio e positività per organizzarsi in percorsi di allenamento che portano a raggiungere obiettivi sfidanti come una maratona di corsa a piedi.

Di seguito approfondiamo la conoscenza di Simona attraverso risposte ad alcune mie domande di un po’ di tempo fa: Ti sei sentita campionessa nello sport almeno un giorno della tua vita?Alla partenza della maratona di New York, sul ponte di Verazzano siamo un po' tutti ‘campioni’!”. Qual è stato il tuo percorso per diventare atleta? È nato quasi per sfida, dopo un intervento al crociato anteriore del ginocchio (dovuto ad una brutta caduta sciando) ho seguito un’ottima riabilitazione che mi ha permesso di rimettermi in strada dopo 6 mesi. Da lì è nata una passione sfrenata per la corsa, dalle tapasciate domenicali, nuove amicizie, un nuovo team di amiche ‘GoMilfGo’ e mi sono lanciata nelle prime mezze maratone, la prima maratona ed un sogno nel cassetto che finalmente dopo 20 anni ho aperto e trasformato in realtà!”.

Translate