lunedì 21 gennaio 2019

Non c'è un'età per scendere dal treno dello Sport, se si è stanchi si può rallentare

Psicologo, Psicoterapeuta

Non c'è un'età per scendere dal treno dello Sport, se si è stanchi si può rallentare, non bisogna dar conto a nessuno se non a se stesso, puoi arrivare ultimo ma sarai sempre acclamato, decidi tu quando scendere. Abbiamo una certa età e non molliamo; tocca lasciare spazio a bimbi e ragazzi, hanno tante energie da spendere e una vita intera da affrontare e con lo sport hanno una marcia in più.  Portatiamoli nei parchi, nei campi, per la strada non teniamoli in zona di troppo confort.

sabato 19 gennaio 2019

Hideaki Yamauchi, 100 km 06h18’22”, Campione Mondiale nel 2016 e nel 2018

Spain 100km world championship is most beautiful emotion

La miglior prestazione sulla distanza della maratona dell’ultrarunner giapponese Hideaki Yamauchi è di 02:18:24 ottenuta a Tokyo (JPN) il 25 Febbraio 2018, mentre la sua miglior prestazione sulla 100 chilometri è di 06h18’22” ottenuta a Los Alcázares (ESP) il 27 Novembre 2016 vincendo il titolo di Campione Mondiale della 100 km davanti al sudafricano Bongmusa Mthembu  06h24’05” e lo statunitense Patrick Reagan bronzo 06h35’42”, mentre il nostro Giorgio Calcaterra si classificò al 7° posto in 06h41’16”.

Salvatore Musone: 100 km in 08h27’, grandissima soddisfazione


Musone Salvatore un forte atleta con la corsa stampata nel DNA, da piccolo aveva questa passione tanto da partecipare da minorenne a gare e vincerle con facilità, sempre pronto a sfidare se stesso e gli altri, con gli anni i chilometri da percorrere e la fatica lo impressionavano sempre di meno e così si è spinto in gare sempre più dure fino ad arrivare a percorrere la 100km con un risultato di rilievo, si seguito ci racconta la sua esperienza di ultramaratoneta: Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare? “Si, a Roma in maratona sono riuscito a finirla in 2h43’12”, 69° assoluto, 3° di categoria. Era il top per me, poi, grazie ad alcuni amici con la stessa preparazione sono riuscito a fare il famoso salto di qualità spingendomi oltre, maratona conclusa in 2h 39’15” mio record e quando mi sono spinto a finire la 100 km in 8h 27’ grandissima soddisfazione.”

giovedì 17 gennaio 2019

La prima 6 Ore di Roma organizata dall’Atletica Villa De Sanctis e altri runners


L’A.S.D. Atletica Villa De Sanctis e altri runners organizzano la prima sei ore di Roma che si svolgerà il 13 Luglio con partenza alle ore 24.00 su un percorso sterrato ma battuto di 1 km presso la Villa De Sanctis in via Casilina a pochi chjilometri dal centro di Roma.
La notizia l’ho saputa in anteprima dall’amico runner Pierluigi Lops con il quale conivido la fatica e la gioa della corsa e dell’ultracorsa in allenamento presso i parchi di  Tor Tre Teste e villa de sanctis e in gare corte e ultramaratone e anche come guide di atleti con disabilità visiva e come pacer in maratone.
L’A.S.D. Villa de Sanctis dal 2007 al 2012 e anche nel 2015 si è classificata al primo posto ed è nell’Albo d’oro del Gran Prix IUTA (Italian Ultramarathon and Trail Association) di Ultramaratona, nessuna società ha vinto così tante volte.

Simone Leo: La Brasil 135 per chiudere il cerchio delle 7 ultra più dure al mondo

Mi mancava nell'elenco delle gare che sognavo!

Da un po’ di anni seguo le imprese degli ultramaratoneti e partecipo io stesso ad alcune gare per conoscere questo mondo sorprendente e privilegiato, per comprendere cosa passa nella mente degli ultrarunner e nella mia stessa mente. Mi imbatto in ultramaratoneti che si metono in gioco sfidando se stessi e portando a termine gare considerate imprese e lunghi viaggi della durata superiore ai 200km con condizioni climatiche assurde e terreni anche impervi e con dislivello.

sabato 5 gennaio 2019

René Cuneaz: Sono contento di essere tornato vicino al personale sulla mezza


Lo sport aiuta a prendere direzioni per seguire sogni, obiettivi e mete. A volte ci sono imprevisti durante questi lunghi percorsi che portano alla performance come gli infortuni e il vero campione è colui che sa trarre lezioni importanti, sa essere resiliente nel capire di dover riorganizzare la sua vita mettendo da parte una fetta importante che è lo sport.
Renè dopo aver raggiunto l’apice della sua carriera con notevoli risultati, soprattutto in  mezza maratona e full maratona, sperava di entrare nel giro della Nazionale in occasione degli Europei partecipando anche a ritiri importanti, si è dovuto arrendere a causa di un infortunio protratto nel tempo che l’ha lasciato ai box.Renè ha partecipato alla 2^ Milano Half Marathon, in novembre 2018 vincendo in 01h06’05”. Di seguito Renè racconta le sue impressioni rispondendo ad alcune mie domande: Ciao carissimo, complimneti per il tuo ritorno in forma e i tuoi risultati di prestigio?Grazie mille sono contento di essere tornato vicino al personale sulla mezza e di averla gestita in quel modo.”

mercoledì 2 gennaio 2019

We Run Rome, the last race of the year with Sport Senza Frontiere


We Run Rome, the last race of the year with Sport Senza Frontiere per fare parte di un gruppo che condivide mete, obiettivi, direzioni, fatica per arrivare al traguardo, per star bene, per mettersi in gioco, per condividere storie e chilometri, per abbattere frontiere e barriere culturali e generazionali, per approfondire la conoscenza di se stessi confrontandosi con gli altri, per apprendere dagli altri.
Sport Senza Frontiere che crede nello sport come un efficace strumento di cambiamento sociale e pertanto si adopera per garantire il diritto allo sport, renderlo accessibile a chi più ne ha bisogno, portarlo lì dove non c’è e diffonderne principi e valori.

Translate