giovedì 17 novembre 2022

Petr Válek: L'ultra è nei tuoi piedi, ma la vittoria è nella tua testa

 Ultra is in your feet, but the winning is in your head
 Matteo SIMONE
 

La pratica di uno sport spesso diventa uno stile di vita da seguire per star bene e per ottenere ottime prestazioni sportive ma anche una grande passione da coltivare trovando un sano equilibrio tra famiglia, lavoro, relazioni.

Di seguito, approfondiamo la conoscenza di Petr attraverso risposte ad alcune mie domande. 
Qual è stato il tuo percorso nello sport? Da adolescente sognavo la carriera ciclistica, ma la grave malattia a 17 anni rendeva il percorso impossibile. Il secondo tentativo è iniziato quasi 20 anni dopo in una situazione completamente diversa: avendo una famiglia numerosa con 4 figlie, sovraccarico di lavoro, ho dovuto perdere 20 kg di sovrappeso corporeo. La corsa dopo i miei 35 anni mi ha aiutato a essere più forte mentalmente e fisicamente e, sorprendentemente, ha realizzato i miei sogni d'infanzia.

Lo sport aiuta a occuparsi di sè, del proprio corpo ottenendo benefici anche a livello mentale con incremento di consapevolezza, autoefficacia, resilienza. Si definiscono obiettivi da portare a compimento e si definisce un piano di lavoro graduale che permette di raggiungere gradualmente propri obiettivi, sfidanti, difficili ma non impossibili, senza stress, osando ma senza strafare.
Quando ti sei sentito un campione nello sport? Questa sensazione non è collegata a nessun evento particolare. Ogni volta che metto tutto il mio impegno, energia e passione nella gara mi sento più forte, forse puoi chiamarlo campione. Essere campione è più legato alle mie emozioni che al risultato. Ecco perché preferisco correre ultrarace che mi piacciono per il percorso, gli organizzatori o gli altri corridori. A proposito, la mia Spartathlon o Ultrabalaton ha un valore più alto per me rispetto alle posizioni sul podio.

Tra le tante gare di ultramaratona Peter ha portato a termine 2 volte la Ultrabalaton (HUN) e 4 volte la Spartathlon (GRE) 246km.
La Ultrabalaton, il 28-29 maggio 2016, 221km in 28h41’14” e l’1-2 ottobre 2021, 216km in 22h34’18”.
La Spartathlon 2016 in 31h46’44”, 2017 in 30h45’59”, 2018 in 26h48’47” e 2022 in 27h23’07”.
Nello sport, cosa e chi contribuisce alle tue prestazioni? In generale, l'ultra è il mio stile di vita o diciamo una passione. Amo correre e questa è la motivazione essenziale per praticare questo sport. Ogni buon risultato è fantastico, ma come mi sento riguardo alla gara è più importante. Ho altre responsabilità da tenere a mente: la famiglia, il lavoro e gli amici. È piuttosto difficile mantenere l'equilibrio soprattutto durante le settimane che precedono una gara importante. Devo menzionare le persone che mi supportano durante le gare, perché è molto importante per la prestazione e il risultato. Hanno dovuto impiegare molto tempo e mettere la loro forte energia nella mia prestazione. È un modo straordinario e intimo per costruire l'amicizia.
Come vivi il pre-gara, la gara e il post-gara?
La vita prima della gara è molto difficile per me e la mia famiglia. Mi concentro molto durante la gara e mi rilasso quando finisco. Sfortunatamente, come finisher posso godermi la felicità solo poche ore.

Alla base di ogni passione c’è una forte motivazione e un impegno costante per ottenere graditi e soddisfacenti risultati che compensano sacrifici e impegni. Dietro a un atleta c’è sempre qualcuno che sostiene, aiuta, consiglia oltre ad amici, famiglia, esperti e competenti.
Famiglia, amici, colleghi cosa pensano della tua attività sportiva? L'opinione più comune riguardo alle ultramaratone: è impossibile, pericolosa, malsana, folle, incredibile, fastidiosa non è facile spiegare che è più difficile.
Un episodio curioso, divertente, triste, bizzarro della tua attività sportiva?
Ci sono molti episodi: a parte tutti i vomiti, i collassi e altri episodi, citerei l'uragano durante lo Spartathlon 2018 e il blackout elettrico durante i Mondiali di 24 ore a Belfast, 2017.

In effetti la partecipazione a gare di ultramaratona prevede esperienze insolite e bizzarre durante il lungo periodi di gara attraversando notte e giorno e andando incontro a diverse difficoltà da gestire con preparazione ed esperienza.
Quali competenze, risorse, caratteristiche hai nel tuo sport? L'ultrarunning non riguarda solo il duro sforzo durante i lunghi allenamenti. Per raggiungere un certo livello devi seguire un piano di allenamento, anche se ogni corridore ha bisogno del proprio approccio all'allenamento. Devi essere predisposto per le ultra e sviluppare questo talento. Gli argomenti principali sono: abilità metaboliche (evitare disturbi allo stomaco e all'intestino), perfetta disposizione muscolare, stile di corsa efficiente e ‘mentalità ultrarunning’ è assolutamente un punto chiave. I muscoli e le ossa devono essere resistenti agli infortuni.
Quali sono le difficoltà e i rischi nella pratica del tuo sport? Cosa e chi ti ostacola?
L'infortunio è probabilmente il motivo più comune delle interruzioni nella corsa. Ci sono anche problemi di salute tipicamente per fasce di età, in base alla vita precedente, alla storia sportiva precedente, alle predisposizioni genetiche ecc. La mia corsa è limitata dall'ipertensione e devo essere monitorata frequentemente.
La tua situazione sportiva più difficile?È successo quando sono crollato allo Spartathlon 2019 a causa di un'ipertensione non curata.

C’è tanto da curare e allenare per le ultramaratona, non solo allenamento fisico ma anche nutrizionale, psicologico e un approccio alla fatica senza stress e senza fretta.
Per quali aspetti e fasi ritieni utile lo psicologo nel tuo sport? Posso diventare molto stressato e questo può influenzare il rilassamento negli ultimi giorni prima della gara. Certo, lo psicologo potrebbe aiutarmi.
L'evento sportivo dove hai vissuto le emozioni più belle?
Ce ne sono tanti… il mio primo podio nella 12 ore di Praga nel 2015; il mio primo traguardo Spartathlon nel 2016; vittoria del campionato nazionale a Kladno, 2018; 2° classificato a Milano – Sanremo 285 km ultra; 100 miglia Isola di Mors; 100 miglia de France e molti altri.

La preparazione e la partecipazione a gare di ultramaratone prevede tanto impegno e passione, tanti allenamenti e viaggi per partecipare a gare in tutto il mondo confrontandosi con atleti di altre nazioni e culture e a volte si riescono a ottenere anche grandi risultati con sensazioni ed emozioni ricche e intense.
Il 13 giugno 2015, Petr arriva secondo a pochi metri dal vincitore alla 'Self-Transcendence 12 h race Prag (CZE)’, totalizzando 124,062 km e preceduto solamente dal connazionale vincitore Ondrej Velicka 124,316 km.
Il 21-22 luglio 2018, Petr ha vinto la ‘Self-Transcendence Race 24h Kladno (CZE)’, totalizzando 234,353 km.
Il 27-29aprile 2019, Petr arriva secondo alla ‘6° UltraMilano-Sanremo 285 km’ in 32h18’, preceduto solo dal vincitore Matteo Ceroni 31h13’.
Il 12-13 settembre 2015, Petr arriva terzo alla ‘100 Miles - Around the isle of Mors (DEN)' in 15h59’26, preceduto dai danesi Andreas Carlsen 15h40’15” e Kim Klitgaard Sørensen 13h34’48”.
Il 21-22 agosto 2021, Petr arriva secondo alla '2ème Les 100 Miles de France’ in 17h02’22”, preceduto solo dal francese Florian Robin 15h59’44”.
Come hai affrontato, gestito, superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? Sembra strano ma devi rimanere positivo tutto il tempo, non importa la tristezza, il dolore ecc.

Gli ultrarunner sanno che può succedere di tutto in gare lunghissime e tutto bisogna accogliere, accettare, capire, riorganizzandosi con fiducia e senza stress e fretta.
Cosa hai scoperto di te stesso e degli altri nella pratica dello sport? Che sono molto più forte di quanto avessi mai pensato prima.
Quali allenamenti mentali usi? Non faccio alcun allenamento mentale.
Prossimi obiettivi? Sogni e da realizzare?
Ci sono un sacco di gare a cui vorrei partecipare (100 miglia di Berlino, Ultrardeche 222 km) e magari tornare alla Spartathlon e al campionato del mondo di 24 ore a Taiwan l'anno prossimo. Farò del mio meglio per il risultato, ma preferirei evitare qualsiasi stress.

Gli ultrarunner sono sempre alla ricerca di gare estreme fidanti a cui partecipare per mettersi in gioco e confrontarsi con altri avversari nazionali o internazionali, ma meglio senza stress e tensioni, osando ma senza strafare con la consapevolezza delle proprie possibilità, capacità, caratteristiche, risorse ma anche eventuali limiti.
Quali sono gli ingredienti del successo? Ce ne sono troppi, non è possibile sceglierne alcuni. Alcune persone dicono che (il successo in) ultra è solo nella tua testa. Penso che la vera storia sia: l'ultra è nei tuoi piedi, ma la vittoria è nella tua testa.

Si corre con i piedi, il corpo, il fisico ma ci vuole tanta volontà, determinazione, testa per arrivare fino al traguardo e per ottenere eccellenti risultati dovuti ad allenamenti appropriati e finalizzati per la gara in programma.
Cosa ti diresti quando eri più giovane?
Niente di speciale. Non cambierei nulla. Sono molto felice di come sta andando la vita per me.
A quale personaggio ti ispiri? Ci sono molti amici e corridori che ispirano e non solo per le loro posizioni sul podio o record.

Matteo SIMONE 380-4337230 - 21163@tiscali.it
Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR
 
Petr Válek: Ultra is in your feet, but the winning is in your head
L'ultra è nei tuoi piedi, ma la vittoria è nella tua testa
 Matteo SIMONE
 
What was your path in sport?
As a teenager I was dreaming about the cycling career, but the serious disease in 17 made the path impossible. The second attempt has started almost 20 year later in completely different situation: having large family with 4 daughters, overloaded in work, I had to lose 20 kg of body overweight. The running after my 35 helped me to be stronger mentally and physically, and surprisingly fulfilled my former childhood dreams.  
When did you feel like a champion in sport? This feeling is not connected with any particular event. Anytime I put all my effort, energy and passion to the race I feel stronger, maybe you can call it champion. To be champion is more connected with my emotions than the result. That´s why I prefer to run ultrarace which I love because of the track, organizers or other runners. By the way, my Spartathlon or Ultrabalaton PB has higher value for me compare to podium positions. 
In sport, what and who contributes to your performance?
Generally, ultra is my lifestyle or let´s say a passion. I love running and that´s the essential motivation to do this sport. Any good result is great but how I feel about the race is more important, as mentioned above. I have other responsibilities to keep in mind: family, work and friends. It’s pretty hard to maintain the balance mainly during the weeks prior to an important race. I have to mention people who support me during races, because it’s very important for the performance and the result. They had to spend a long time and put their strong energy to my performance. It’s an amazing and intimate way how to build up the friendship.
What do family, friends, colleagues think about your sporting activity? The most common opinion regarding ultramarathons: it’s impossible, dangerous, unhealthy, crazy, amazing, annoying … not easy to explain that it´s more difficult.
A curious, funny, sad, bizarre episode of your sporting activity?
There are many episodes: apart of all the vomiting, collapsing, and other episodes, I would mention hurricane during Spartathlon 2018 and electricity blackout on 24 hours World Championship in Belfast, 2017.
What skills, resources, characteristics do you have in your sport? Ultrarunning is not only about the hard effort during long trainings. To reach some level you have to follow a training plan although each runner needs his own training approach. You need to be gifted for ultra and develop this talent. The main topics are: metabolic abilities (avoid stomach and intestines troubles), perfect muscular disposition, efficient running style and ‘ultrarunning mindset’ is absolutely key point. The muscles and bones must be resistant to injuries. 
What are the difficulties and risks in the practice of your sport? What and who hinders you?
The injury is probably the most common reason of the breaks in running. There are also health troubles typically for age groups, based on the previous life, former sport history, genetic predispositions etc. My running is limited by hypertension and I must be frequently monitorized.
For which aspects and phases do you consider the psychologist useful in your sport? I can get very stressed and this can effect the relaxation in the last days before race. Of course, the psychologist could help me.  
The sporting event where did you experience the most beautiful emotions? There are many … my first podium on 12-hour run in Prague in 2015; my first Spartathlon finish in 2016; winning of national championship in Kladno, 2018; 2nd place in Milan – San Remo 285 km ultra; 100 miles Isle of Mors; 100 miles de France and many others.  
Your most difficult sporting situation?
Happened when I collapsed on Spartathlon 2019 due to an untreated hypertension. 
How did you face, manage, overcome any crises, defeats, injuries? It sounds strange but you must stay positive all the time, no matter of the sadness, the pain etc.
What have you discovered about yourself and others in the practice of sport? That I’m much stronger than I ever thought before.
What mental workouts do you use?  I don’t do any mental workouts.
Next goals? Dreams realized and to be realized? There is a bunch of races I would like to attend (100 miles of Berlin, Ultrardeche 222 km) and maybe come back to Spartathlon and 24-hour run World Championship in Taiwan next year. I will do my best for the result, but I would prefer to avoid any stress.
How do you live the pre-race, the race and the post-race?
The pre-race life is very difficult for me and my family as I’ve mentioned above. I concentrate a lot during the race and relax when I finish. Unfortunately, as a finisher I am able to enjoy the happiness only few hours.
What are the ingredients of success? There are too many, it’s not possible to choose a few of them. Some people say (the success in) ultra is only in your head. I think that the true story is: ultra is in your feet, but the winning is in your head.
What would you tell yourself when you were younger? Nothing special. I wouldn’t change anything. I’m very happy how the life has been going for me.
Which character are you inspired by? There are many friends and runners who inspire and not only by their podium positions or records.

Matteo SIMONE 380-4337230 - 21163@tiscali.it
Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR

Nessun commento:

Translate