martedì 12 giugno 2018

Alessandra Silvestrini, medaglia d’oro 10 km di corsa a squadra categoria W55


Campionati Europei Master Non Stadia Alicante (Spagna), 18-20 maggio 2018

Il mondo dello sport è misterioso, è fatto di incontri, di sapori, di fatica, di colori. Lo sport davvero avvicina persone, culture e mondi; lo sport davvero fa sperimentare prima benessere e poi se ci sono le possibilità di allenarsi bene, di seguire un sogno, di farsi aiutare da persone esperte del settore, tifa sperimentare anche performance e tutto ciò che c'è attorno la performance. Di seguito Alessandra, conosciuta attraverso lo sport e attraverso una conoscenza preziosa in comune racconta la sua esperienza di sport a livello internazionale: Che sapore ti ha lasciato questa gara?Il sapore dei “colori”: i colori delle maglie delle varie nazioni, ma anche il colore della pelle, dei capelli, degli occhi degli atleti, delle atlete, che ancor più di quelli delle maglie ti facevano vivere il contesto internazionale della gara.”

Quello che rimane dello sport, quello che si porta a casa dall'esperienza sportiva sono davvero gli incontri che si fanno, davvero l’esperienza unica e immensa, densa e ricca che si fa attraverso lo sport, l’attesa, la preparazione, la gara sortiva, il post gara, un sacco di momenti ricchi e speciali che fanno sentire vivi dentro: Che significato ha per te questa gara? “Credere che ai sogni non si può mettere una data.”

Lo dico sempre che non c’è un’età giusta o un momento migliore per mettersi in moto e dedicarsi a uno sport, è sempre il momento opportuno senza pensare al passato né al futuro, ma solamente focalizzandosi sul momento presente e considerando le risorse del momento, le caratteristiche, le possibilità e le capacità del momento così come anche i propri limiti senza osare, senza esagerare ma semplicemente credendoci tanto con un’apertura mentale ampia e la consapevolezza che si può provare a fare tutto impegnandosi e credendoci:
Avuto problemi, criticità? “Sì, una volta salita sull'aereo mi è arrivato un msg sul telefonico del mio coach: “non mi hanno fatto imbarcare”. Stop. Partivo da sola per la prima volta in un gara dal respiro internazionale. Panico, tristezza, rabbia, incredulità. Poi, la certezza di aver lavorato sodo e che seppure senza coach il risultato l’avrei portato a casa. Più limitato, perché carico di uno stress maggiore e privo dei suoi preziosi suggerimenti, ma forse proprio per questo ancora più “mio”. Per fortuna, con me c’erano mio marito ed una coppia di amici, perché l’intenzione era quella di vivere non solo la gara ma anche la vacanza. E non avrei permesso a niente e nessuno di velare il sole che già intravedevamo all'atterraggio ad Alicante!”
Più c’è fatica e impegno e più grande è la gloria, più ci si mette in gioco e più si apprende dall'esperienza, i maestri, allenatori, terapeuti servono per farti vedere la strada, il percorso, poi sta a ognuno di noi darsi da fare per il cambiamento, per il raggiungimento di mete e obiettivi sfidanti ma non impossibili: Cosa lasci e cosa porti a casa? Lascio sorrisi e riporto sorrisi, oltre alla medaglia di partecipazione ed ancor più la medaglia dell’Italia 1 W 55.”

Grande prestazione da parte di Alessandra (Pod. Eretum Monterotondo) ai Campionati Europei Master Non Stadia Alicante (Spagna) che con altre due atlete italiane, Nadia Dandolo (Asi Atl. Roma) ed Elena Fustella (Atl. Lecco Colombo Costruzioni), ha vinto la medaglia d’oro a squadra in una gara di 10 km di corsa a squadra categoria W55: Hai conosciuto altri atleti?Sì, di ogni nazionalità. Fantastici e bellissimi. Soprattutto la squadra spagnola che si è divertita ad adottarmi quasi sostituendosi a quella italiana, e che mi ha guidato nei vari step burocratici e logistici. Gracias!”

La lingua dello è universale, è la lingua del movimento, della condivisione, davanti alla fatia si è tutti uguali e tutti si comprendono, si è tutti sulla stessa barca: Quali sono ora tue mete, direzioni, obiettivi?Sto meditando di....rallentare e dedicarmi agli studi. Vorrei laurearmi. Altro mio grande sogno.”

E’ importante focalizzarsi sull'esigenza e il bisogno del momento, a volte è importante rallentare e forse anche fermarsi per ricaricarsi, per recuperare, per intravedere nuovi interessi e motivazioni che spingano a rimettersi in moto seguendo proprie direzioni che portano dove vogliamo, a volte l’autoefficacia si estende in altri settori della nostra vita come lo studio, se riusciamo nello sport diventiamo più sicuri in altri ambiti della nostra vita: C'è un alimento particolare che hai assunto in gara?Sì: ACQUA!” Come ti prendi cura di te ora dopo questa gara di corsa? “Con addominali mirati, stretching. E…lavatrici, cucina, famiglia, lavoro in BRT, che comunque ringrazio per tutte le volte che mi ha permesso di entrare in ufficio in scarpe da ginnastica!”

La vita è fatta si interessi e contesti, di vita privata, famigliare e lavorativa, a volte si ha bisogno di essere supportati in famiglia e al lavoro, altre volte si supporta altri, propri amici e conoscenti, propri famigliari e anche colleghi, la vita è una ruota che dobbiamo oliare bene che dipende anche da noi, siamo noi che teniamo le redini della nostra vita, che cii possiamo rendere felici e resilienti attraverso lo sport o altro: Cosa hai raccontato a casa, al lavoro, agli amici dopo la gara di corsa?Le foto hanno parlato con me e per me.”

Una bella storia fatta di persone comuni che riescono a vivere momenti straordinari anche attraverso lo sport.

Nessun commento:

Translate