lunedì 28 agosto 2017

Irene Piombo. Pallavolo: Schiacciatore, Libero. Atletica: Corro dagli 1 ai 21 km


Due sport sono difficili da incastrare, per ognuno bisogna stabilire e pianificare obiettivi e programmi di allenamento, di seguito Irene racconta, attraverso risposte a un mio questionario, la sua esperienza di atleta. Pallavolo: Schiacciatore entrambi i lati, Libero. Atletica: Corro dagli 1 ai 21 km.
Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Sarebbe scontato parlare dei miei premi di categoria e non, soprattutto quando dopo una brutta gara scopri sempre troppo tardi di averli vinti! In realtà mi sento campionessa ogni volta che riesco a incastrare bene una tabella di allenamenti, i calendari gare sia di pallavolo che di corsa e soprattutto… con gli impegni!”

Vero, diciamo che tra atletica e pallavolo vi è un buon feeling, finchè non ci si stanca troppo con la corsa con marratone, per esempio, si può anche giocare bene alla pallavolo ma comunque bisogna curare le capacità elastiche muscolari, saltare in alto per una schiacciatrice è fondamentale e la corsa un po’ tende a insaccare verso il suolo, quindi la pallavolo ti tira su e l’atletica ti tira giù, comunque complimenti a Irene per queste due belle passioni sportive.
Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? “Sin da piccola provavo interesse ad imparare molti sport. Ho iniziato a 6 anni con il nuoto, per poi passare al pattinaggio e alla ginnastica artistica. A 9 anni decisi definitivamente che la mia strada sportiva doveva continuare con la pallavolo. A 14 anni iniziai l’agonistico, a 16 ho iniziato i campionati di Terza divisione Juniores e Open. Ho avuto uno stop a 19 anni perchè mi sono gravemente ammalata di mononucleosi e ripresi l’anno successivo con l’amatoriale, non ero pronta a tornare in femminile in quelle condizioni! Ancora non mi sento pronta nonostante l’anno scorso abbia fatto anche il torneo di terza divisione, sono troppo attaccata alla mia squadra. Al liceo ero sempre quella che prendeva i supervoti a educazione fisica e partecipava ai campionati scolastici. Già li avevo capito che sarei finita a fare sia atletica e pallavolo! Ora sono qui, ancora pallavolista, un campionato vinto dopo 6 anni di bassa classifica, due anni di gare podistiche alle spalle e tanto divertimento che ancora mi aspetta.”

Eh sì, e il meglio deve ancora venire, perché lo sport ti pemette di speriemntarti fin da piccolo, ti permette di meterti in gico con gli altri e contro altri, ti permette di fare squadra e anche di fare gara individuale, ti permette di partecipare ma anche di andare a premio, ti permette di rimanere in classifica anche negli ultimi posti ma anche di rilaire la classifica e vincere un campionato, lo sport ti prende e ti sorprende. Importante capire quello che è giusto per noi fin da subito e focalizzarsi per far bene in quello che abbiamo scelto.
Quali sono i fattori che contribuiscono al tuo benessere o alla tua performance? “Ho appena finito il corso di Erboristeria e sto per concludere anche quello di Naturopatia. Non si capisce che amo i percorsi paralleli? Anche se alcuni non approvano cerco sempre di sfruttare le mie conoscenze nel campo sia per la mia salute che per quella degli altri quando ne hanno bisogno.”
Nello sport chi contribuisce al tuo benessere o alla tua performance? “Quest’anno ho dovuto provvedere da sola anche agli allenamenti. l’anno scorso frequentavo il gruppo della Nike che mi ha dato tantissimo, quest’anno hanno ridotto gli allenamenti a una volta a settimana… la domenica mattina! Non sono neanche riuscita a seguire un altro gruppo per via dei numerosi impegni e non mi sono neanche potuta concedere il lusso di avere un compagno perchè i miei amici si sono tutti infortunati!”
Qual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio di te o dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Porterò sempre nel cuore la Amatrice Configno di quest’anno. Ho sempre sognato di voler partecipare a questa gara, ogni volta che mi portavano ad Amatrice, vedevo gli striscioni della gara e cominciavo a sognare chiedendomi se un giorno sarei diventata abbastanza forte da potermi permettere solo di partecipare. L’anno scorso avevo iniziato a pensarci sul serio, non andai per vari motivi esterni. Quest’anno sentì che era il momento giusto nonostante rischiai il ritiro per problemi di salute ma i sogni sono più forti e decisi di andare lo stesso. Ho provato forti emozioni già prima della gara nel rivedere il paese completamente in macerie, nonostante tenevo anche non bei ricordi di quel posto per motivi personali. Sono rimasta commossa per il nostro amatissimo pubblico che ci spronava e ci ringraziava durante il percorso e noi, noi atleti, abbiamo applaudito per loro, perché era il nostro pubblico a meritarsi di più gli applausi! Tecnicamente ero fresca di Speata per cui a parte il primo tratto di salita me la sono cavata anche fin troppo bene soprattutto per le mie aspettative. All’arrivo ero quasi in lacrime, non so se per tutte le emozioni che ho provato nel stare li o per il solito nervosismo che scarico durante le gare. Quel giorno rimarrà speciale, ho anche conosciuto tante persone fantastiche durante il viaggio e con loro ho anche rivissuto i bei ricordi della sagra!”

Un giorno speciale per la gara, una classicissima, per il calore del pubblico, per il gesto di solidarietà verso un paese e una cittadinanza provata, lo sport ti lascia segnali emozionali che durano nel tempo.
Quale è stata la tua gara più difficile? “Domanda che presuppone una risposta ovvia, breve e concisa … LA SPEATA! 12km con 800m di dislivello, per non parlare dei primi 4, da Contrada Montore di Subiaco a Monte Livata non si dimenticano facilmente! Ma se vogliamo guardare il lato positivo, mi è stata di grande aiuto con gli allenamenti e alle successive gare.”

Altra bella gara classicissima inpegnativa estiva, molto coraggiosa Irene, sempre più in alto non solo nello schiacciare ma anche in altetica come dislivelli altimetrici, senza paura, molto coraggiosa. Di questo passo scopre che può fare tutto e che non gli spaventa niente.
Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “7 giugno 2017, manco all’appello dell’Albarace perchè quella stessa sera mi aspettava un’impresa ben più importante: La Finale del Campionato del Torneo Amatoriale Misto di Pallavolo. Una partita che ho sempre vissuto da spettatrice e per di più di bassa classifica ma stavolta già solo partecipare, per di più da titolare, è un sogno realizzato. L’avversario è la solita squadra che vince tutti gli anni e che quest’anno ha fatto un mazzo tanto a tutti. Beh, ragazzi, incredibilmente vincemmo molto facile! Ci misi troppo tempo per realizzare la vittoria, forse neanche adesso riesco a rendermi conto. Andammo ovviamente a festeggiare in un pub vicino la palestra. Successe l’incredibile! Un mio compagno di squadra ha distrattamente inciampato davanti al locale, davanti agli avversari, con la coppa in mano … si, la coppa si è frantumata! Ve lo giuro! Non credo che al mio compagno gli sia bastato l’angolo della vergogna per tutta la serata.”

Questa è la bellezza dello sport, dello sport di squadra, si gareggia per se stessi e per gli altri, si gioisce insime, ci si sorprende a vedere che tutto fila liscio, che la squadra è affiatatissima, che si fanno delle cose incredibili, inaspettabili e soprendenti e poi può succedere l’inevitabili, ma si fa parte di una squadra e si è compresi, scusati, perdonati.
Quali sono le sensazioni che sperimenti facendo sport? “Quando corro e sto molto bene provo un grande senso di libertà e di pace con me stessa e vorrei non finisse mai, mi sembra di stare sulle nuvole. Quando arrivano i momenti brutti inizio a contare i km.”

Lo sport non è solo rose e fiori, ci sono momenti e periodi, importante cavalcare il momento presente e accogliere quello che c’è momento pe rmomento cercando di fare il meglio possibile per se stessi e per la squadra.
Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che ti inducono a fare una prestazione non ottimale? “Quest’anno ho scoperto che la rabbia riesce a rovinarmi le gare e la mia salute in una maniera impressionante. Ogni volta che capitava una discussione o una litigata la settimana precedente alla gara, andava sempre a finire che rischiavo di svenire durante il percorso. Molti non sono d’accordo ma ho incredibilmente risolto questo problema con i Fiori di Bach, con la combinazione personale, per esattezza. Durante le gare escono fuori tutte le emozioni che noi tratteniamo o non esprimiamo e molte volte vanno a danneggiare gli organi. Ora ne prendo di meno, ma li porto sempre con me, non si sa mai!”

Ad ogni problema c’è amento un a soluzione, importante è fare qualcosa per cercare di affrontare e gestire le situazioni difficili.
I famigliari ed amici cosa dicono circa il tuo sport? “Ci sono state diverse correnti di pensiero:
-“Ma stai sempre a correre! E fermati ogni tanto!”
- “Basta correre, con noi non ci stai mai!”
- “Se non fai questo tempo sei una pippa!”
- “Vinci i premi, fai i tempi con la fortuna e non ti alleni sul serio!”
- “Hai vinto la maratona?”
Beh, si accettano volontari per organizzare navette per spedirli tutti alla Speata!”

Importante è ascoltarli e non farsi condizionare, i benefici dello sport non hanno prezzo e sia amici e famigliari sanno quanto può essere sia preventivo che terapeutico praticare qualche forma di attività fisica, non possono che iniziare a esercitare un qualsiasi movimento che sia spontaneo o organizzato come uuna danza o altro sport.
Cosa hai scoperto di te stesso nel praticare attività fisica? “A pallavolo ho mollato più volte, lo ammetto, le mie non buone condizioni di salute e il mio nervosismo mi costringevano a farlo ma quei momenti mi hanno aiutata a crescere. Mentre invece alle stesse condizioni la corsa mi ha fatto scoprire che tutto questo lo posso affrontare senza cedere con la mia forza di volontà.”

Si affronta e si gestise tutto, importante è essere motivati, avere passione, trovare risorse interne per portare avanti progetti ambiti, sfidanti, difficili ma raggiungibili.
Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport? Per quali aspetti ed in quali fasi? “Ovviamente la ritengo utile, credo sia molto importante. Statisticamente ho notato che durante la corsa il nostro corpo, essendo sotto sforzo, mette in evidenza gli organi o le parti maggiormente colpiti, soprattutto per questioni di “nervosismo”. A maggior ragione lo psicologo dello sport serve soprattutto se a fine gara scoppi in lacrime o esplodi di rabbia!”

Lo psicologo serve anche a dare un senso a quello che ti succede, ad accogliere situazioni ed emozioni forti e intense, a sostenerti nei periodi di difficoltà e forti crisi, nelle difficili scelte.
Quali sono i tuoi prossimi obiettivi? Quali sono i sogni realizzati e da realizzare? “I sogni nel cassetto ormai li ho realizzati quasi tutti. La finale del campionato, L’Amatrice Configno … Gli unici sogni forse che mi rimangono è fare solo gli allenamenti con una Serie D e diventare erborista.”

Una bella alchimia, trovare un buon equilibrio tra vita privata, sport, lavoro con passione.

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html
Posta un commento

Translate