sabato 12 agosto 2017

Juan Pablo Niama Savonitti: Dall’Alaska fino la Tierra del Fuego (Argentina)


Molto ricca l’agenda supersportiva di Juan Pablo, tantissime gare di sport di endurance che lo metteranno alla prova come uomo e come atleta, alle condizioni più difficili dal punto di vista fisico, climatico e mentale, ma Juan è un amante del quasi impossibile, dove c’è da sfidare se stesso c’è lui stesso integro per affrontare al meglio le circostanze e tutto ciò che comporta lo sport prolungato. Tra i suoi obiettivi mi aveva già accennato del suo progetto benefico di raccolta fondi correndo la Panamerican highway dall’ Alaska (USA) a Ushuaia (Argentina). A partire dal 1 gennaio 2019. Il percorso inizia in Prudhoe Bay, Alaska e finisce a Ushuaia, in Argentina. L'intera traccia attraverserà i seguenti paesi (USA, Canada, Messico, Guatemala, El Salvador, Honduras, Nicaragua, Costa Rica, Panama, Colombia, Ecuador, Perù, Cile e Argentina). Sta cercando uno o vari sponsor per supportarlo con la logistica e tutto il materiale necessario per questa avventura. Una volta che avrà il supporto necessario e che avrà iniziato, l'idea è quella di trovare donatori (aziende o privati) e raccogliere fondi per charity. (1 USD per ogni km corso).
https://gogetfunding.com/panamerican-route-by-running/

Quali sono i prossimi obiettivi, sogni da realizzare? “Come prossimo obiettivo sarebbe quello di poter finire 13 Ultra Maratone in questo anno 2017 (1 di 81km e le altre 12 tutte di piu di 100km) Finora ho fatto 9 e mi mancano queste 4: Persenk Ultra – 160km (7500D+), Asenovgrad, Bulgaria 18th-20th August http://persenk-ultra.com/sastezaniya/persenk-ultra-160-km/ ; Tor des Geants – 330km (24000D+), Courmayeur, Italy Sunday 10th / Sunday 17th – Start at 10:00 AM http://www.tordesgeants.it/en ; Pirin Ultra – 150km (9400D+), Bansko, Bulgaria Thursday 21st – Start at TBC http://www.pirinultra.com/ ; Salomon Capadoccia Ultra Trail - 114km (3340D+), Capadoccia, Turkey Saturday 21st – Start at 07:00 AM https://cappadociaultratrail.com/ . Come obiettivo per il 2018 inizio subito a Febbraio nello Yukon in Canada con la Montane Yukon Arctic Ultra - 484km, con temperature tra i 30 e i 50 sotto lo zero http://www.arcticultra.de/en/ . Per il 2018 ho anche in mente di participare a Corsica1000 km (in 17 giorni), Brazil135, Badwater, UTMB (non sono stato sorteggiato per il 2017 quindi avrò un coefficiente migliore per il 2018), Ultra Torres del Paine (Argentina-Chile), Mezzo Ironman 70.3 a Buenos Aires il 4 novembre e come ciliegina sulla torta vorrei andare sulla cima dell’Aconcagua (6961metri, Argentina). Per il 2019, il 1 gennaio tenterò di attraversare il continente Americano dall’Alaska (USA) fino la Tierra del Fuego (Argentina).”

Juan Pablo sceglie le più dure, le più alte, le più lunghe gare del pianeta, per testarsi per sentire emozioni forte e intense, per scopriere sempre più il mondo e se stesso. Ogni gara diventa un corso di alta formazione sulla propria autoconoscenza e autoconsapevolezza.
Sensazioni, emozioni, pensieri prima, del prossimo evento/gara importante? “Anche se ho tante gare importanti prossimamente, il mio pensiero piu grande va al Tor des Geants che sarà tra 29 giorni. E’ una gara unica e durissima e non vedo l’ora d’essere lì per correre tra quei paessaggi mozzafiato.”

 Il Tor è il sogno di tanti, soprattutto Italiani Ultratrailer, alcuni Italiani riescono anche a vincerla.
Quali saranno le strategie di gara o per il buon fine dell'evento? “La strategia principale in tutte le mie gare sono sempre le stesse almeno per il momento. E’ da un anno che corrro e quindi non ho l’ambizione che può avere un runner pro che fa questo sport da 10 anni. La strategia principale è quella di mangiare e bere come si deve durante la gara, tenere i livelli di Sali, magnesio ed elettroliti giusti nel corpo e poi ovviamente godermi i paesaggi e le persone che incontro durante il percorso.”

Sembra essere un giusto approccio a questo tipo di sport, soprattutto per quanto riguarda gli elettroliti non bisogna sottovalutare il giusto equilibro tra il consumo e lo svuotamento dei serbatori e unu’appropriata integraoinze per non rischiare problemi vari quali collasso e confusione mentale, quando scarseggiano elettroliti, vengono meno le connnessioni neuronali, la perosna inizia a perdersi, a non connettere più, ad andare in confusione e tra le montange questo non può succedere.
Ti consigli con un team? Famiglia, amici, figure professionali? “Mi alleno con la mia coach Maria Nikolova e mi consiglio sempre con lei.”
Fidarsi e affidarsi anche nello sport estremo di endurance, importante avere una figura di riferimento che ogni tanto ti riporti con i piedi per terra e ti fa centrare sul momento presente, sulla consapevolezza delle prorpie capacità e anche dei pripri limiti.
E’ cambiato nel tempo il tuo modo di preparati a gare o eventi importanti? “Sì. In parte è cambiato, dal punto di vista che mi sento più sicuro di me stesso ad ogni gara che faccio. Ma comunque se metto l’esempio del Tor non riesco ad immaginarmi l’ansietà che avrò le ore precedenti alla gara.”
Si costruisce la sicurezza e l’autoefficacia in allenamento e in gara, si sperimenta più padronanza di se stessi, delle proprie emozioni e sensazioni che si riconoscono e non diventano novità da gestire.
Utilizzi una preparazione mentale pre gara/evento? “No, mi preoccupo di mangiare e bere bene che sostengo sia la cosa piu importante.”
Coccole e autoprotezione hanno posto nella tua preparazione o nel pre gara/evento? “Come coccola intendo il fatto di permettermi forse un tiramisu o una cheese cake la sera prima della gara per tenere “distratta e felice” la mia mente. Questo lo dico perche non mangio mai zuccheri tranne i gel o le barrette che uso durante le gare.”
A volte si può trasgredire per coccolarsi un po’ soprattutto quando hai da avanti ore e ore di sforzo intenso e prolungato.
Hai un tuo idolo, modello di riferimento, ti ispiri a qualcuno? “Non ho idoli o modelli di riferimento ma ammiro persone come Timothy Olson e Anton Krupicka.”
Qual è una tua esperienza che ti dà la convinzione che ce la puoi fare? “Ogni gara è diversa e penso che la nostra mente e stato d’animo non sia la stessa per ogni gara. Comunque penso che le decisioni importanti nel proseguire o decidere di fermarsi vanno fatte durante la gara dove si analizzano i pro e i contro in maniera anche veloce in certi casi e poi si decide.”

Contattando diversi atleti mi è capitato di conoscere alcuni super sportivi che definisco quasi cannibali di sport, di alcuni di essi ne parlo nel mio libro Ultramaratoneti e gare estreme.
Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: n.39 in Libri > Sport > Corsa e maratona
Inoltre è in uscita Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida, edizioni-psiconline.

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product
Posta un commento

Translate