martedì 8 agosto 2017

Marcello Spreafico: Ultramaratona, uno sport in cui conta più la testa delle gambe


La passione per lo sport di endurance continua, così come continua l’approfondimento attraverso la conoscenza di tanti ultrarunner.
Rispondendo ad alcune mie domande un po’ di tempo fa, Marcello racconta il suo incontro con l’ultramaratona che gli ha cambiato la vita felicemente, incontrando persone speciali.
Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Avendo vinto soltanto una gara finora, posso sicuramente indicare quella. Ottobre 2016, 12 ore di Reggio Emilia all’interno dello stabilimento Lombardini/Kohler. Ho vinto la competizione con 121,7 km, un risultato importante e inatteso alla vigilia, rimontando varie posizioni nella prima metà di gara e andando in testa nella settima ora, provando così l’ebbrezza di comandare una corsa per la prima volta. Una grandissima emozione e una gioia immensa! Speriamo di poterla ripetere presto!”

Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? “Ho giocato prima a calcio e poi a calcio a 5 fino al 2006, come portiere, e quindi correndo poco. Un po’ per caso, nella primavera del 2007 ho tentato di fare un giro di corsa del lago del Segrino (lungo 5 km), sono riuscito e da lì mi sono appassionato sempre più a questo sport. Nel 2008 ho disputato la prima mezza maratona, a fine 2009 la prima maratona e a giugno 2012 ho corso la prima ultramaratona. Quell’esordio alla Pistoia Abetone è stato speciale perché ho conosciuto Francesca, la mia fidanzata. Da tre anni corro solo ultramaratone, ho trovato la mia dimensione podistica, e nell’ultimo anno lo faccio insieme a Francesca (che ha il DNA da campionessa, lei ha già vinto alcune ultra)!”
Quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “Amo correre, ho un fisico minuto e adatto a questo sport, posso mangiare qualunque cosa senza alcun problema (meglio se sono dolci, sono golosissimo!) e poi di carattere sono molto cocciuto e disciplinato e mi so gestire bene. Sicuramente sono caratteristiche che nella corsa servono, oltre ad un recupero fisico molto rapido dopo le gare. In più mi aiuta anche la passione per numeri e statistiche: fare calcoli e proiezioni mi riesce molto bene mentre corro, lo faccio spesso e mi tiene la mente occupata.”
Nello sport chi ha contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “Con piacere faccio il nome del mio allenatore Luca Sala, una persona eccezionale. Non ho mai avuto un allenatore nei primi 9 anni di corsa, ma a fine agosto Luca ha iniziato a seguire la mia fidanzata Francesca, proponendole un piano di allenamento serio in ottica della 24h (lui allena la nazionale femminile) e io mi sono unito con curiosità al programma. Nelle prime tre gare sotto la guida di Luca ho fatto tre PB (6-12-24h) e siamo solo all’inizio! Coach Luca mi ha motivato tantissimo, gli allenamenti sono sempre piacevoli. Insomma, gli sono molto grato sia a livello sportivo che personale e ne approfitto per ringraziarlo pubblicamente. Mi auguro si possa continuare a percorrere insieme tanta altra strada!”
Qual è stata la gara della tua vita dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Ho ricordi molto piacevoli di tante gare. Il 2h59’49’’ della Maratona di Milano fu un bel traguardo (aprile 2012). A livello di emozioni aggiungo la conquista del bronzo al campionato italiano di 12 ore (sempre a Reggio Emilia, nel 2015) e due 24 ore fatte: il mondiale di Torino 2015, in cui ero iscritto alla gara “open”, e che mi fa venire ancora la pelle d’oca se ci penso, e la 24 ore di Montecarlo, un’esperienza assolutamente fantastica e indimenticabile, condivisa con un magnifico gruppo italiano di 17 persone. Anche il Passatore 2013 fu una bella emozione, era la prima 100 km che facevo e l’idea di “misteriosa avventura” era grande. Infine, la gara del cuore, la Pistoia Abetone 2012 è stata la gara più bella, ho incontrato Francesca!”
Qual è una tua esperienza che ti possa dare la convinzione che ce la puoi fare? “Caratterialmente nella corsa tendo a non mollare mai. Se poi ci si allena bene e ci si gestisce intelligentemente di testa, credo che si possa arrivare all’obiettivo che ci si è dati. A volte indubbiamente qualcosa va storto (nelle gare così lunghe ci sono sempre incognite), ma si può non mollare lo stesso. Ho avuto un problema fisico dopo neppure due ore della 24 ore di Putignano che mi ha impedito di proseguire la corsa; ci tenevo a fare quella gara, ormai ero lì, e così ho continuato camminando (un po’ acciaccato) per le 22 ore successive, senza mai pensare al (forse più logico) ritiro. Ma “ritiro” è una parola che non fa parte del mio vocabolario.”
Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva? “Condivido il meraviglioso mondo dell’ultramaratona, con la mia fidanzata Francesca, sono molto fortunato ad avere questa passione comune. Mio papà è orgoglioso di noi, e ho tanti amici (runner e non) che mi seguono con affetto, in particolare sui social media: mi fa molto piacere. Qualcuno degli amici (che non corre) dice che siamo un po’ matti a fare queste corse così lunghe, per me sono esperienze incredibili.”
Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “Mi viene in mente un episodio bizzarro. Era una 100 km un paio di anni fa, stava giungendo sera ed ero verso il km 80. Mi si affiancano due sconosciuti in auto e mi osservano un po’ mentre corricchio a bordo strada. Poi tirano giù il finestrino e mi chiedono se volevo un passaggio verso il traguardo. Sono rimasto allibito e li ho fatti allontanare! Purtroppo so che alcuni accettano queste cose, ma mi chiedo che spirito di lealtà e di competizione abbiano verso gli altri ma soprattutto verso se stessi.”

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare sport? “Sicuramente mi si è fortificato e mi ha dato più sicurezza. Anche l’autostima ne trae giovamento.”
Quali sono le tue capacità, risorse, caratteristiche, qualità che hai dimostrato di possedere? “Sono una persona tranquilla, serena e quasi sempre di buon umore; amo l’ironia, sono molto tenace, determinato, metodico e assai disciplinato (in tutti i campi, non solo nella corsa). Correndo amo cercare nuovi obiettivi e poi cerco di raggiungerli! Ma in ogni caso corro per divertirmi, senza farne una malattia, la corsa rimane uno splendido hobby, seppur impegnativo.”
Che significa per te partecipare ad una gara sportiva? “Emozione, divertimento, amicizia, competizione, sfida, risultato, ricordi. Ogni gara, e in particolare ogni ultra, per me è una bellissima esperienza in un ambiente molto piacevole. Ne ho fatte più di 30 soltanto nell’ultimo triennio, ognuna mi ha dato qualcosa di positivo.”
Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare? “Nella gara di 24h a Montecarlo ho avuto momenti difficili e inediti: dopo 14 ore perfette, complice credo una mia ingenuità nel vestiario all’arrivo della notte, ho preso freddo con il vento del mare e mi sono sentito male più volte. Non mi era mai capitato correndo. Questo episodio mi ha anche fatto congelare e riprendendo non riuscivo più a correre, così per qualche ora ho camminato e addirittura ho avuto un paio di inattesi colpi di sonno mentre camminavo. Poi all’alba e con la luce ho ricominciato a correre e ho finito bene, chiudendo quarto con 183,7 km. Credo che la notte sia stato uno dei miei momenti podistici più difficili, in cui mi sono accorto che un obiettivo mi stava sfuggendo di mano (puntavo ai 200 km), ma non riuscivo a reagire per non perderlo. Grazie all’aiuto di coach Luca, ho in qualche modo “messo una pezza” e, a parte un paio di brevi soste, non mi sono arreso.”
Quali sono le sensazioni che sperimenti facendo sport: pregara, in gara, post gara? “Dipende da che gara è. Solitamente ho una giusta adrenalina pre-gara, poi divertimento e allegria (e anche un po’ di fatica!) mentre corro e soddisfazione dopo la gara (se non ci sono stati inconvenienti), già in attesa della successiva. Nella 24h a Montecarlo, invece, complice la mia inesperienza nelle 24 ore e il risultato impegnativo a cui puntavo, ero abbastanza teso alla vigilia della gara, ho sentito questa gara molto più delle altre a livello emotivo.”
Quale è stata la gara più estrema o più difficile? “Innanzitutto devo dire che corro solo su asfalto, per me qualsiasi trail sarebbe estremo, non lo farei mai! Invece su asfalto di gare “estreme” non ne ho ancora fatte (poi dipende da come uno giudica la parola “estremo”): come lunghezza non ho oltrepassato la 24h, ma comincio a essere tentato dalla 6 giorni… magari un giorno proverò a farla. La famosa Spartathlon al momento non rientra nei miei piani. Faccio un passo alla volta, adesso devo migliorare nelle 24h, in cui spero di raggiungere e superare i 200 km, poi si vedrà. Come fattore meteo “estremo” invece ho il nitido ricordo della Bormio Stelvio 2008, quando il maltempo fu allucinante: dall’inizio alla fine con nubifragio, vento gelido, grandine e neve in cima allo Stelvio in un weekend assurdo di luglio. La gara restò in dubbio fino all’ultimo e poi iniziò (da 3.000 iscritti partimmo soltanto in 1.000, tra corsa e bici: fu un’edizione da tregenda). Arrivai semi-ibernato in cima allo Stelvio, ma ovviamente non mi balenò mai l’idea di non correre!”
Quali sono le difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nel tuo sport? “Dovrei sicuramente alimentarmi e bere maggiormente, soprattutto in allenamento (spesso non mangio né bevo nulla neanche nei lunghi, perché non ne sento l’esigenza). Ma credo che sarò sempre più attento a questi particolari, per migliorare bisogna non sottovalutare nessun aspetto, come mi dice spesso il coach!”
Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale? “Quasi mai ho fallito gara (nel senso di fare un risultato completamente diverso dalle aspettative), sono abbastanza regolare nelle mie performance e so a cosa posso puntare. Curiosamente l’unica volta che ho abbattuto il muro delle 3 ore in maratona (nel 2012) pioveva tanto e faceva freddo in aprile, ma sono condizioni meteo che detesto. Ho bisogno di sole e caldo, il mio corpo ne trae benefici. Corro benissimo nella bella stagione, mentre col freddo e con la pioggia faccio più fatica. Io dico sempre che “vado a energia solare”, ma nessuno mi crede. So di essere un po’ anomalo rispetto a molti runner.”
Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport? “Corro da un decennio ormai, e non intendo smettere, se fisico e salute continueranno ad assistermi anche in futuro. Nei rarissimi infortuni occorsi finora (nulla di grave, peraltro) tendo un po’ ad andare giù di morale, come se non ci fossero soluzioni, poi però dopo qualche settimana si riparte guariti, con ancora più voglia ed entusiasmo di prima! Mi piacerebbe continuare in questo modo per parecchio tempo.”
Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni?Ho avuto pochissimi infortuni. Nell’ultimo biennio ho avuto un paio di problemi muscolari, entrambi dovuti alla postura di corsa non corretta, e paradossalmente il primo di essi è stato una fortuna. Ho conosciuto la mia attuale fisioterapista, che, dopo avermi sistemato la noia muscolare, ha iniziato a farmi fare esercizi fisici per migliorare la mia schiena e il mio bacino (ho la cifosi), che avevo un po’ troppo trascurato negli anni precedenti, e ora ci vediamo regolarmente per proseguire questo lavoro. Adesso, tra l’altro, corro meglio in discesa, prima ero una frana perché scendevo con un assetto molto scorretto.”
Quale è un messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi allo sport? “Lo sport vi può regalare enormi gioie, soddisfazioni, autostima, amicizie ed emozioni e fa crescere tanto di carattere. Iniziate a praticarlo, non ve ne pentirete! Io personalmente ho un debole per gli sport “di fatica”.”
C’è stato il rischio di incorrere nel doping nella tua carriera sportiva? “Assolutamente no: evito il più possibile tutti i tipi di medicine e pure gli integratori (forse erroneamente per questi ultimi). Addirittura qualche mese fa non volevo iniziare una cura contro l’asma, prescritta da un importante pneumologo dopo alcuni miei ripetuti problemi asmatici notturni, perché ero infastidito dall’assunzione di farmaci proprio per questo motivo. Mi hanno quasi dovuto obbligare, il medico mi disse che sottovalutare l’asma era un rischio che potevo pagare caro in seguito ed era sciocco non curarmi. Il mio vero doping sono i dolci e il cioccolato, ne mangio ogni giorno in quantità industriale (e la mia conformazione fisica per fortuna me lo permette!)”
Quale può essere un messaggio per sconsigliare l’uso del doping? “Ce la si deve fare da soli, piuttosto strisciando, invece che ricorrere in aiutini squallidi e contro le regole. Ogni traguardo si deve conquistare metro dopo metro, con fatica e impegno. Ottenerlo in modo diverso è irrispettoso e disonorevole verso se stessi e verso gli altri atleti “onesti”.”
Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport? “Non ho mai pensato a questo aspetto in realtà. Ma in questi ultimi mesi ho sperimentato quanto sia utile anche il ruolo “psicologico” di un allenatore: i suoi consigli, il suo aiuto, il suo supporto sono sempre molto preziosi, sia per gli allenamenti che durante la gara. L’ultramaratona è sicuramente uno sport in cui conta più la testa delle gambe, bisogna trovare equilibri perfetti e cercare di non mollare mai.”

Quali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare? “Nel 2012 ho incontrato Francesca grazie alla corsa e ho realizzato uno dei miei sogni. Insieme stiamo correndo da anni ed è un altro sogno che prosegue. Spero di realizzare anche il prossimo sogno, vorrei arrivassimo entrambi in nazionale: Francesca mi pare proprio sulla buona strada… e io mi impegnerò per raggiungerla!”

L’intervista risale a un po’ di tempo fa, entrambi Marcello e Francesca hanno fatto passi da giganti, personal best nelle loro gara, ma Francesca sembra avere una marcia in più è riuscita a essere convocata in Nazionale e a partecipare ai mondiali di 24 ore a Belfast con un ottima prestazione di 210km suo record personale.
Approfondire il mondo degli ultrarunner mi ha permesso di scrivere alcuni libri di cui uno con il recordman Daniele Baranzini dal titolo Ultramaratoneta: analisi interminabile, inoltre la mia opera dal titolo Ultramaratoneti e gare estreme, Prospettiva Editrice, Collana: Sport & Benessere, 2016.
15° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Sport - Atletica e sport da campo e da pista - Maratona e corsa campestre. 
Ordinabile in siti di vendita online e in tutte le librerie d'Italia. Ad esempio su ibs
http://www.lafeltrinelli.it/libri/matteo-simone/ultramaratoneti-e-gare-estreme/9788874189441 (dove si può anche prenotare online e poi ritirare in libreria)
Inoltre è in uscita Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida di Matteo Simone (Autore). Classifica Bestseller di Amazon: n. 78 in Libri > Sport > Corsa e maratona

Matteo SIMONE
http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm
Posta un commento

Translate